On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1958
REGISTRATI  -  LOGIN

Uno sguardo ai nostri Laboratori  

  Stampa veloce LAN_NEWS_24 icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 0
- News Scuola - Redazione - 26/01/2009 - 19:47


Entriamo in qualche Laboratorio, osserviamo ed esprimiamo le nostre impressioni.

Quest’anno ci sono delle attività nuove che coinvolgono i Laboratori nella nostra scuola, accanto ai più consolidati quali Teatro, Attività sportive, Giornalismo online e Musica d’insieme, ne troviamo di nuovi: Giochi Linguistici, Fotografia, Studio guidato.

Siamo entrati a curiosare nell’aula in cui si tiene il Laboratorio di Giochi Linguistici e abbiamo osservato incuriositi quali attività vengono praticate.
Innanzitutto l’attività principale ha per oggetto l’arricchimento lessicale proposto sotto forma di gioco.
Molti ragazzi hanno bisogno di aiuto, così l’insegnante e i compagni stessi vanno in loro soccorso proponendo delle idee perché l’importante è che nessuno sia escluso dal gruppo.
Tra i giochi ve n’è uno che si chiama “Scarto”: consiste nel togliere ad una parola, una lettera, una sillaba per ottenere un’altra parola che abbia senso.
Lo scarto di sillaba può essere:
sillabico iniziale
sillabico finale
mediano

Un altro gioco consiste nello scambiare il posto delle lettere per formare un’altra parola che abbia senso e che sia diversa: come ad esempio REMO-MORE.

I ragazzi ci raccontano che è emozionante e molto divertente cimentarsi con la lingua italiana.
Io e la mia simpatica amica, che li abbiamo osservati a lungo, non capiamo come questi ragazzi abbiano così tanta fantasia.
I ragazzi stanno per iniziare la gara di “scarto” a gruppi. La professoressa assegnerà un punto per ogni parola esatta. Il gruppo più veloce risulterà vincitore.

Li lasciamo al loro gioco e passiamo a visitare il Laboratorio di Teatro.
In questo laboratorio si respira un’aria decisamente diversa.: dalla competizione si è passato al divertimento.
I nostri compagni stanno provando a fare delle espressioni con il viso, per esprimere sentimenti quali: felicità, gioia, tristezza, noia.
Il loro corpo è coperto da un velo, e così devono utilizzare solo le espressioni del viso per farsi capire.
Tutti si cimentano ma c’è qualcuno che ha vergogna a mostrarsi e ride.
Poi indossano delle maschere che raffigurano delle espressioni del viso e i ragazzi devono imitare con il corpo quell’espressione.
Tra le figure da rappresentare c’è quella del furbo che è stato imitato molto bene; del disperato, piegato in avanti con le mani sopra la testa; dell’aggressivo con le mani chiuse in un gesto di rabbia; dello scoraggiato che tiene la testa giù e il broncio.
Naturalmente il felice ha la faccia sorridente e il nostro compagno l’ha resa bene con il gesto dell’Ok.

Diamo appuntamento nel secondo quadrimestre per continuare la carrellata sui Laboratori della nostra scuola.




Gaia Pastore, Elena Mazzola, Martina Platini, Chiara Mosca






laboratori   giochi linguistici   fotografia   studio guidato   


  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare






Devi essere loggato per inserire commenti su questo sito - Per favore loggati se sei registrato, oppure premi qui per registrarti



Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia