On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

Dante Alighieri a Buenos Aires  

Inviato da Chiara Lucchi
  Stampa veloce LAN_NEWS_24 icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 1
- Le nostre passioni - Redazione - 25/03/2008 - 17:53


Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

[Inviato da Chiara Lucchi]
Sono appassionata di Tango argentino e ascoltando le parole del tango Vos también tenés tu historia di Francisco Canaro e Juan Andrés Caruso, composto nel 1930, trovo scritto:
Creés estar con tu “confor” a más altura y mejor que el edificio Barolo” cioè “Credi di essere migliore e più in alto dell’edificio Barolo“, riferendosi a qualcuno che si crede chissà chè. Per capire cosa intendessero gli autori, bisogna sapere che nel 1923 avevano inaugurato, in Buenos Aires, il Palacio Barolo, a quel tempo l’edificio più alto dell’America del Sud.

Questo edificio ha varie caratteristiche curiose.
In primis ha un fratello gemello a Montevideo, sull’altra sponda del Rio de la Plata, altrettanto alto (forse un pò di più) che si chiama Palacio Salvo, progettato dallo stesso architetto.
Proprio l’architetto è un italiano, Mario Palanti, chiamato dal proprietario, l’imprenditore italiano Luigi Barolo appunto, a creare l’edificio più alto della città. Sulla sommità del palazzo c’è un potente faro che, acceso, si vede fino in Uruguay.
Ma la curiosità maggiore è che l’architetto era un grande estimatore di Dante Alighieri e così ha progettato il palazzo facendo chiari riferimenti alla Divina Commedia. La divisione generale dell’edificio è in tre parti (inferno, purgatorio e paradiso); nove sono gli archi dell’ingresso come nove sono le gerarchie infernali (ognuno numerato e descritto con frasi in latino prese dall’Antico Testamento, da Ovidio, Orazio, Virgilio, ecc..); cento i metri del palazzo come 100 sono i canti; 11 gli appartamenti sul fondo e 22 quelli sul fronte, come il numero di strofe della maggior parte dei canti; 14 piani sotto, 7 sopra, più il faro, per un totale di 22, ottenuti con i numeri dei movimenti elementari della fisica aristotelica; la pianta e le sezioni sono in rapporto aureo come le misure del Tempio di Salomone; il faro rappresenta i nove cori angelici ed è in corrispondenza dell’asse della Croce del Sud (costellazione di emisfero Sud); per farla breve vi riporto che ci sono anche molte iscrizioni su cupole e porte, tratte dal capolavoro dantesco.
Insomma ancora un po’ di Italia a Buenos Aires! Che ne dite di andarci in gita?

Un saluto a tutti e buon lavoro

Chiara Lucchi








 10.0 - 2 voti  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare





Commenti

isa94


Inviato il: 26/03/2008 - 21:00
Commenti: 7

Ciao Chiara! Come ti capisco! Il tango è magnifico! Ve lo dice una che è andata in Argentina a Natale! Comunque vale la pena una volta nella vita vedere uno spettacolo di tango argentino! Io l'ho già visto ed è meraviglioso! Inoltre l'Argentina è bellissima, la gente è simpatica e accogliente! Bhè, che dire ancora... Auguro a tutti di fare almeno una volta nella vita il viaggio che ho fatto io!!! E pensare che all'inizio non ci volevo andare!
CIAO A TUTTI!!!!!!!!!




Devi essere loggato per inserire commenti su questo sito - Per favore loggati se sei registrato, oppure premi qui per registrarti



Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia