On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

QUATTRO PASSI NELLA STORIA [4]: Scene di vita al castello  

Viaggio "virtuale" nelle epoche passate
  Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 1
- Racconti - Redazione - 17/06/2008 - 10:56


La prof. mi ha chiesto di vedere con gli occhi di una madre, di una serva, di un ragazzo o ragazza, a scelta, e provare a raccontare la vita, la quotidianità in un castello.
Io mi sono immedesimata nei panni di una giovane e ho immaginato una mia giornata …


“Scene di vita al castello”
Vita nel castelloIl sole non è ancora sorto del tutto e al castello c’è già un gran fermento. Seduta accanto al caminetto, nel mastio, penso agli avvenimenti che animeranno la nostra vita nei prossimi giorni.
Domani mio padre, il feudatario, sarà di ritorno da una Dieta a cui ha partecipato insieme ad altri feudatari. Sono curiosa di sapere l’opinione del re in base alle questioni che gli avrà esposto mio padre. Il pensiero che mi preoccupa di più, però, è la partenza di mio fratello, che ha da poco compiuto dodici anni.
Egli è destinato a diventare cavaliere e a fregiarsi del titolo di “nobile”. La strada per conquistare questo titolo è molto lunga e per questo deve iniziare subito. Tra due settimane andrà a servire un amico di mio padre: sarà prima il suo paggio e poi diventerà scudiero, cioè porterà il suo scudo. Quando compirà sedici anni, o forse diciotto, sarà ordinato cavaliere tramite la cerimonia della vestizione, in cui gli sarà consegnata la spada. Una volta diventato cavaliere, farà parte della masnada di mio padre, cioè della sua squadra addestrata per la guerra.
Mio fratello dovrà distinguersi, per la sua carica, da ogni altro membro della società: dovrà essere generoso, leale, coraggioso e, in quanto cristiano, sarà considerato il difensore della Chiesa e delle donne. Non so se mio fratello riesce già a comprendere l’importanza del ruolo che sta per intraprendere; è ancora un ragazzino ed è affascinato dai cavalli e dall’armatura. Dice che il suo sogno è di partecipare a un grande torneo e di esserne il vincitore. Mia madre piange quando lo sente parlare così e dice che non è ancora pronta a staccarsi da lui.
In questi giorni però deve essere forte perché ha ordinato una corvèe per la sartoria: le serve devono preparare il guardaroba per mio fratello e sistemare con cura i suoi vestiti in una cassapanca. La serva più abile ha il compito di ricamare su una bandiera lo stemma della nostra famiglia: sarà il dono che mio fratello porterà al suo feudatario.
Anch’io aiuterò mia madre a organizzare il lavoro della servitù, a me piace rendermi utile: il lavoro è un modo per non pensare al destino che mi aspetta. Tra un anno, infatti, siccome sono la figlia maggiore, entrerò in convento e condurrò una vita molto diversa da quella attuale.
La mia sorellina più piccola invece diventerà la sposa di un feudatario molto importante e il suo matrimonio rafforzerà la posizione della nostra famiglia.


Laura Brunero 1b








quattro passi nella storia   castello   


 9.0 - 1 voto  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare








Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia