On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

SCRITTURA CREATIVA - Racconti a quattro zampe... [3]  

  Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 2
- Racconti - Redazione - 30/10/2010 - 00:57


Tigro

Ciao a tutti, sono un gattino di nome Tigro.
Non ricordo nulla di quando sono nato, nè dove sono nato.
So solo che un giorno una tenera ragazzina mi raccolse dalla legna, mi lavò e mi mise in un terrazzo, dove c'era un altro gatto, mi sembra che si chiamasse Miao.
Passai una nottataccia, stavo in una cuccia dove l'altro gatto mi soffiava e non riuscivo a mangiare nulla.
Il giorno seguente la ragazzina, che si chiamava Beatrice, mi portò da una veterinaria...che paura! Mi schiacciava la pancia, mi misurava la febbre e cercava di tenermi in piedi, perchè io, infatti, ero talmente piccolo da avere le gambe aperte e sghembe come una ranocchia! Dopo la visita, la mia nuova "mammina" decise di tenermi in casa, mi comprò del lattino molto buono, mi preparò una cuccia calda e tanti giochini e litigava con sua madre per chi dava a me il biberon per primo.
Dopo un po' di giorni, mi ambientai nella mia nuova casetta e iniziai a mangiare le crocchette.
Crescevo, però diventavo un po' viziatello, infatti, ogni giorno, all'ora dei pasti, andavo a miagolare dai miei padroncini e se non mi sganciavano un po' del loro cibo, saltavo sul tavolo e allora, pur di farmi stare giù, mi gettavano un avanzo.
Pian piano perdevo questo vizio, però avevo sempre tanta voglia di giocare e la mia mammina si lamentava perchè la graffiavo, la mordevo e facevo danni in casa, come tirare giù tende, o perchè mi mettevo a mordicchiare i libri, patrimonio prezioso per lei e ottimo modo di farsi i denti per me.
Poi partì il desiderio di uscire, infatti, ogni volta che si apriva la porta, io tentavo la fuga. Un giorno ci riuscii, però, mi persi e, dopo giorni, mi ritrovai in una casa sconosciuta, per fortuna il giorno dopo è venuta la mia mammina, mi ha visto e mi ha riportato a casa...quasi aveva i lacrimoni dalla gioia! Ogni tanto cerco di scappare ancora, perchè non resisto alla tentazione di salire sui tetti, è molto divertente, sapete? Poi mi caccio sempre nei guai, come quella volta che, non so come, sono rimasto incastrato tra la finestra e la persiana...
Adesso io faccio quello che posso, ma tutti questi vizi tornano sempre, e io cerco di rimediare facendo le fusa, strusciandomi e accettando di dormire con la mia mammina ogni notte, acciambellato sui piedi o vicino a lei.
Sono molto contento di essere piccolo e voglio godermi l'infanzia, sono solo un micio di 3 mesi!
Ora devo lasciarvi, devo andare a farmi le unghie sulla sedia e non devono beccarmi!
Ciao ciao!

clicca per ingrandire
Tigro

Beatrice L. - classe 1B







gatti   racconto   


 10.0 - 1 voto  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare








Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia