On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

ATTUALITA': Morire per una sigaretta. Come è potuto accadere?  

  Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 5
- L'opinione - Redazione - 06/05/2008 - 15:32


Bullismo all'ennesima potenza? Crisi d' identità? Mancanza di valori?
Interroghiamoci sul fatto di cronaca che ha sconvolto Verona.


Giovane picchiato a VeronaIl fatto: un gruppo di ragazzi ha pestato un loro coetaneo, che a seguito delle lesioni riportate è morto.
COME E' STATO POSSIBILE CHE SIA AVVENUTO UN FATTO SIMILE ?
CHE COSA HANNO PERSO PER STRADA, NEL CORSO DELLA LORO VITA, QUESTI RAGAZZI ?
Ci siamo interrogati su questi aspetti, che inquietano altresì perchè i protagonisti di questo sciagurato episodio sono ragazzi di cosidetta "buona famiglia" e non osiamo pensare a quelli di "cattiva famiglia" ...
Le risposte che ci siamo dati sono varie; molti di noi sostengono che alcuni ragazzi compiono atti simili per divertimento, per farsi vedere e attirare l'attenzione, per sfidare il mondo e far vedere il coraggio, al punto che sentono la necessità di filmare il tutto e mandarlo in rete...
Sembrerebbe che in questa società "sballata", che coinvolge, per fortuna, una stretta minoranza di giovani, si sia snaturato il comune sentire del "coraggio".
Se comunemente il coraggio per i più è aiutare l'altro quando è in difficoltà, superare gli ostacoli con l'impegno, correre il pericolo in prima persona per salvaguardare l'incolumità di altri; ora il coraggio, per guesta snaturata gioventù, sembrerebbe estremamente diverso e di altra natura. Per essi il coraggio sembrerebbe essere quello di compiere azioni inconsulte, di picchiare, di disprezzare e oltraggiare chi è già in difficoltà (il ragazzo con handicap, lo straniero, il ragazzo solo). Ciò che li muove sembrerebbe essere il menefreghismo.
A nostro avviso questi ragazzi nel corso della loro breve vita hanno perso per strada la ragione, il cuore, la capacità di saper scegliere tra il bene e il male, la capacità di saper dire di no, pur di omologarsi agli altri.
Hanno perso il comune sentire del divertimento, la voglia di mettersi in gioco per ottenere dei risultati nella vita.
La colpa forse è di questa nostra società e dei loro genitori, che li hanno viziati in tutto, che non gli hanno insegnato quanto importante sia avere momenti per competere in modo legittimo tra ragazzi: nello sport, a scuola...
In realtà, forse, a questi ragazzi, che ci auspichiamo paghino per quello che hanno fatto, è mancato tutto; la società in cui hanno vissuto non ha insegnato loro nulla, sono cresciuti nel nulla! POVERI LORO !!!!!!!!!!!

A cura della Redazione







 9.0 - 2 voti  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare








Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia