On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

QUATTRO PASSI NELLA STORIA [3]: Alla scoperta dei Longobardi  

Viaggio "virtuale" nelle epoche passate
  Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 0
- Racconti - Redazione - 26/02/2008 - 14:42


Conosci il popolo dei Longobardi?
Se la tua risposta è no, allora puoi documentarti leggendo questo dialogo.
La situazione è la seguente: sono in corso gli scavi per la costruzione di un edificio e viene scoperta una tomba con relativo corredo funebre appartenente a un guerriero longobardo. L’archeologo che sovrintende gli scavi risponde alle domande del figlio, Paolo, particolarmente curioso.



Corredo funerario di una tomba longobardaDopo la scuola, Paolo è solito telefonare al padre, famoso archeologo, per sapere se ha fatto delle scoperte interessanti… Oggi succederà qualcosa di straordinario:
- Pronto! Ciao Paolo come va?
- Bene. Hai fatto qualche scoperta oggi?
- Sì, ma come fai a saperlo, sei un veggente?
- Cosa hai scoperto?
- Ho scoperto una tomba di un probabile Longobardo. Dai, raggiungimi, che ti faccio vedere!
- Dove devo venire?
- Vicino alla Chiesa dove stanno costruendo il centro commerciale.
- Ok, arrivo subito, sono molto curioso.
Paolo si incammina, facendo tutta la strada da scuola al luogo del ritrovamento, che dista circa 1 Km, correndo e fantasticando sul popolo dei Longobardi, che non ha ancora studiato.
Arrivato abbraccia il padre, che lo aspettava con ansia.
- Allora!? Dov’è ? Sono incuriosito. Dai, portami a vedere la tua scoperta!

- Sì, sì, un attimo di pazienza tesoro, vieni.
L’archeologo e il figlio si avviano verso la tomba, all’interno c’è uno scheletro , che impressiona tantissimo il ragazzo.
- Papi, come fai a sapere che si tratta di un Longobardo?
- All’ interno ho trovato alcuni oggetti, guarda! C’è un pettine, non è un oggetto che si trova facilmente in altre tombe, poi c’è una punta di lancia, una spada ed uno scudo con la parte centrale chiamata Umbone. Da ciò, quindi, posso dedurre che sicuramente si tratta di un guerriero.
Inoltre ho trovato degli speroni ed un morso, che mi fa concludere che il guerriero possedeva un cavallo.
- Sai Paolo, osservando le Tombe dei popoli antichi si ricavano tantissime informazioni utili che riguardano la loro vita. Forte, vero?
- Fortissimo, qual era il loro aspetto fisico?
- Erano biondi, villosi e gagliardi, portavano lunghe barbe, capelli lunghissimi sulle orecchie e sulla fronte, mentre la nuca era rapata.
- Da dove arrivavano, dalla Germania?
- No, erano originari della Scandinavia, poi emigrarono in Pannonia (l’attuale Ungheria) ed infine entrarono in Italia, attraversando le Alpi nel 568d.C. Giunti in Italia, formarono vari ducati. In quel periodo l’Italia era divisa in due: Longobardi da una parte e Bizantini dall’altra e ciò fino al 774, quando i Franchi di Carlo Magno, posero fine al regno dei Longobardi.
- Che cattivi ! Come erano le loro case?
- Abitavano in capanne decorate miseramente, le pareti erano abbellite con trofei di guerra.
- Avevano classi sociali diverse?
- Sì, erano suddivisi in tre classi sociali: gli Arimanni che erano i guerrieri, gli Aldii che erano gli artigiani e i Servi che erano gli schiavi.
- Le donne erano considerate?
- No per niente.
- Erano Cristiani?
- No e sì. Erano Ariani, cioè credevano che Gesù non fosse figlio di Dio, poi, con il passare del tempo, grazie ad una loro regina, tale Teodolinda, divennero Cattolici.
- Avevano delle leggi scritte?
- Sì, un certo re Rotari le aveva messe per iscritto. Esisteva la pena di morte se si attentava alla vita o si uccideva un re, oppure se si usciva dal territorio senza permesso.
- Grazie papà, mi hai insegnato tantissime cose, ma ora ti devo lasciare, perché ho tantissimi
- Compiti. Ci vediamo più tardi a casa… Ciao.
- Ciao a dopo.



Nicole Dianin e Giada Siviero







quattro passi nella storia   longobardi   


  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare








Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia