On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1851
REGISTRATI  -  LOGIN

GITA A MANTOVA - 26-28 marzo 2012  

La tradizionale gita delle classi terze ha avuto quest'anno come meta la città di Mantova e i suoi bellissimi dintorni
  Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 0
- Gite scolastiche - Redazione - 06/04/2012 - 19:28


immagini mantova
Bosco Fontana
immagini mantova
Palazzo Ducale
immagini mantova
Palazzo Te
immagini mantova
Palazzo Te
immagini mantova
San Benedetto Po
immagini mantova
Sirmione
Clicca sulle miniature per ingrandire


Il 26 marzo 2012 le due terze di Fontaneto e quelle di Suno sono partite per la tanto sospirata gita di tre giorni; meta principale, Mantova, ma erano previsti itinerari di vario genere che promettevano di unire capolavori dell’ arte a percorsi naturalistici. E così in effetti è stato.
Lunedì alle ore 6.30 del mattino ci siamo ritrovati con le prof. dietro la scuola.
Dopo circa quattro ore di viaggio, alle 10.30, siamo arrivati a Bosco Fontana dove ci hanno diviso in diversi gruppi, ognuno con la propria guida.
Bosco Fontana è una foresta acquistata dai Gonzaga tra il XII e il XIII secolo, utilizzata per le battute di caccia. E’ esteso su 233 ettari ed è tutelato come riserva naturale. E’ ricco di querce e carpini, attraversato da molti corsi d’acqua e in primavera il sottobosco è ricoperto da bucaneve, campanellini e viole. Gli animali presenti sono il cinghiale, il tasso, lo scoiattolo, il nibbio bruno, il nibbio maggiore, il picchio, la poiana e altri.
La bellezza del luogo ci ha conquistati, ci ha fatto un po’ dimenticare il passare del tempo, ma non abbiamo certo rinunciato poi a un gustoso pranzo al sacco e a una meritata ora di riposo.
Al pomeriggio la nostra meta è stata Palazzo Te. Palazzo Te è un’opera di Giulio Romano, costruito tra il 1525 e il 1535. E’ stato voluto da Federico II Gonzaga, sull’isola del Tè (adesso non è più un’isola). Le camere più importanti sono: la Camera delle Imprese, la Camera del sole, la Sala dei cavalli, la Camera dei Venti, la Camera di Fetonte, la Camera degli Stucchi, la Camera degli Imperatori e la Camera dei Giganti.
Arriviamo in hotel verso le 18,30 e ci assegnano le stanze entro le 19,15. Dopo la cena delle 20.00 siamo andati in un pub e siamo tornati alle 23,15.
Alla mattina i prof. sono passati a svegliarci alle 8.00, la colazione era alle 8.30. Alle 9.10
tutti pronti per andare a visitare S. Benedetto Po.
San Benedetto Po era un monastero costruito nel 1007 dove visse, per alcuni anni, Matilde di Canossa. L’abbazia venne ingrandita ed arricchita da papa Gregorio VII nel 1077. L’itinerario di visita comprendeva l’antico cenobio, il chiostro di San Simeone e la chiesa. Giulio Romano nel 1540 è intervenuto e ha creato un complesso molto raffinato a tre navate.
Alle 13.00 ci siamo imbarcati sulla motonave per una navigazione della durata di due ore e trenta minuti. Era previsto anche il pranzo a bordo, naturalmente! Abbiamo navigato sul Po fino a Governolo dove, grazie ad un ascensore per le navi, la nostra imbarcazione ha raggiunto il livello del Mincio per proseguire navigando contro corrente.
Siamo poi tornati a Mantova e, dopo mezz’ora di relax, abbiamo visitato Palazzo Ducale. Il Palazzo ducale è composto da 340 ha di sale (500 sale) e 15 giardini.
Le stanze più belle sono: Sala degli specchi, sala dei fiumi, appartamenti del Paradiso e dei nani, corte nuova, l’appartamento degli arazzi, gallerie di quadri, la famosissima Camera degli sposi, l’appartamento segreto, le carceri politiche. Alla reggia sono annessi il Castello di corte e la chiesa di santa Barbara.
Siamo rientrati in hotel alle ore 19.00 e dopo la cena alle ore 20.00 siamo usciti di nuovo per una passeggiata e abbiamo visitato una chiesa di Mantova dove una suora ci ha raccontato la sua storia. Siamo rientrati alle 23.00.
Al mattino, dopo la colazione, abbiamo preparato le valigie e siamo partiti alle 9.20 per visitare il centro storico di Mantova. Con la guida abbiamo visitato diversi monumenti e piazza Sordello, che, insieme all’Armeria, viene chiamata “corte vecchia”. Sordello fu un grande trovatore mantovano, nato a Goito nel dodicesimo secolo, che scrisse “immortali rime”. Dopo un pranzo al sacco e un’ora circa di riposo, siamo ripartiti, ma abbiamo fatto tappa a Sirmione, sul lago di Garda, dove ci siamo divertiti, abbiamo ammirato il magnifico paesaggio e abbiamo gustato un ottimo gelato.
Siamo ripartiti verso le 16.30 e, dopo cinque ore di viaggio con molto traffico, siamo arrivati a casa, stanchi, ma felici della bella esperienza.


Martina Langhi
Classe 3B


immagini mantovaimmagini mantovaimmagini mantovaimmagini mantovaimmagini mantova
immagini mantovaimmagini mantovaimmagini mantovaimmagini mantovaimmagini mantova
Clicca sulle miniature per ingrandire (*)


(*) Foto di Giaele Giustina - classe 3A






gita   mantova   


  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare








Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia