On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

SOS AMBIENTE - I nostri boschi si lamentano…  

  Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 0
- L'opinione - Redazione - 23/10/2007 - 15:09


In questo spazio noi ragazzi tratteremo storie che avranno per argomento la natura, ora più che mai oggetto di incuria da parte dell’uomo.
L’uomo, nonostante abbia tutti gli strumenti per conservare l’habitat pulito, continua a trattare il territorio come se fosse una discarica!!!
In questa prima parte denunciamo la situazione critica dei nostri boschi. Sarà capitato anche a voi di entrare in un bosco per trovarvi relax ed uscirne sconsolati per la poca cura della natura.
Vi presentiamo le nostre testimonianze e le relative documentazioni fotografiche.

LOCALITA’: Cureggio (NO)
VICINANZA TORRENTE AGOGNA - AMBIENTE BOSCO

Una gita nel bosco
di Elsa Zerlia


6 OTTOBRE 2007
Quella mattina partimmo con il mio cane per un’avventura nel bosco. Era ancora presto e i pochi raggi del sole che riuscivano a infiltrarsi tra le chiome delle piante ci illuminavano.

il bosco il bosco
Camminavamo e si sentiva solo il rumore dei nostri passi e le fronde che si agitavano lievemente. Le foglie erano bagnate e la rugiada posizionata su di esse le faceva sporgere in avanti.
Poco dopo incontrammo un immenso prato coperto dalla brina mattutina che risplendeva per via del sole.
Proseguimmo, e durante il nostro cammino incontrammo una radura. Nei pressi del fiume c’era una piccola cascata, mi fermai a guardare quel posto incantato per una decina di minuti. L’incanto finì lì a poco, quando più avanti ci imbattemmo in un posto sporco:i sassi e le piante che erano per terra erano coperte da un sacco di immondizia. Presa dallo sconforto decisi di scattare delle fotografie per documentare quello squallore.

il bosco il bosco
L’aria fino a quel momento mi appariva fresca , ora non più, al contrario era divenuta puzzolente, maleodorante.
Il peggio però avvenne dopo… Attraversato il torrente con gli stivali arrivammo in un posto ancora più orrendo:

il bosco


l’acqua limpida era sparita e ormai rimanevano solo delle bottiglie a coprire il letto del fiume. Che disastro! Occorreva fare qualcosa!!!!!!!!
Mi venne un’idea: ”Perché non documentare il tutto e scrivere al giornalino LA TALPA. Detto, fatto!

Ecco la lettera di denuncia:
Caro direttore della Talpa, ci deve dare una mano!
L’immondizia sta “popolando” i boschi e nello stesso tempo inquina l’ambiente. Dalla sottoscritta e dai miei compagni di classe sono state ritrovate bottiglie, sacchi di plastica, lattine vuote e molte altre sporcizie nei nostri paesi di Cureggio, di Fontaneto, di Cavaglio, di Cressa.
Il vero problema è che il fenomeno si sta propagando in tutti i nostri boschi.
Che cosa possiamo fare per aiutare i luoghi sporchi a tornare puliti?
Ci dia un aiuto. Una sua fedele lettrice.

il bosco

Foto di Elsa Zerlia


Il rispetto della natura. Dov’è ?
riflessione di Enrico


Mi è capitato di passare per strade poco trafficate e di vedere ,specie dove ci sono delle piccole piazzole di sosta, mucchi di immondizia di ogni genere ammonticchiata: sacchetti, frigoriferi, batterie, materassi…
Ed è facile trovare simile sporcizia quando vicino alla strada ci sono dei boschi…
Una volta sono entrato per qualche decina di metri lungo una stradina:
CHE DISASTRO!
C’era di tutto: dai piccoli elettrodomestici rotti, ai cocci di piatti rotti,ai copertoni ecc…
Questi rifiuti non sono biodegradabili, sporcano e inquinano l’ambiente per moltissimi anni, avvelenano e distruggono le piante, il sottobosco e anche gli animali che vi vivono.
Mi sono chiesto: ma perché la gente è così incivile?
Ci sono le discariche autorizzate, c’è la raccolta differenziata porta a porta…
I boschi sono un patrimonio di tutti!!
A quella persona che insozza l’ambiente mi piacerebbe dirgli: "Saresti contento se io venissi a casa tua e scaricassi nel tuo giardino la mia immondizia? PENSACI !"

Enrico Azzimi


Andar per castagne…
TESTIMONIANZA DI NICOLE


Un giorno io e miei genitori, con cestini e sacchetti, siamo andati in collina per raccogliere le castagne.
Inoltratici nel bosco vedemmo tantissime foglie secche di ogni colore, un milione di ricci pieni di castagne… Un vero spettacolo! La nostra passeggiata proseguiva serenamente e intanto continuavamo a raccogliere castagne. Ad un certo punto il paesaggio di fronte a noi mutò radicalmente: niente foglie, niente castagne, soltanto cespugli con appesi sacchetti di plastica, materassi usati, televisori rotti, bottiglie, scarpe vecchie…
Io e i miei genitori abbiamo provato un grande disgusto, ma soprattutto rabbia …rabbia contro quelle persone ignoranti e molto stupide che per non far fatica e mettere gli oggetti negli appositi contenitori o portarli in discarica li buttano in giro.
Io penso che sia una “cosa” vergognosa!
Volevo tanto denunciare il fatto e far ripulire il bosco dai responsabili, ma loro chi sono?
Ho deciso, quindi, di scrivere una lettera al giornalino La Talpa.

Caro direttore,
sono una sua assidua lettrice del suo giornale, che mi piace molto perché affronta spesso argomenti di attualità e di ambiente.
Qualche giorno fa, andando in collina, da principio ho trovato un bellissimo bosco, poi…UNA VERGOGNA!… C’erano materassi, scarpe, televisori rotti, immondizia sparsa ovunque…
I boschi dovrebbero essere puliti e belli, per noi e per gli animali che ci vivono.
Come si può risolvere questo problema?
Come si può far capire all’uomo che bisogna rispettare la natura?
Spero che qualcuno, leggendo la mia lettera, possa riflettere e pensare a come potrebbe essere bello un Mondo senza immondizia sparsa ovunque.

Nicole Dianin







salvaguardia   ambiente   ecologia   rifiuti   bosco   


  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare








Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia