On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

Le Avverture di Super Spike: SPIKE E LE COCCINELLE UCCIDELLE  

  Stampa veloce LAN_NEWS_24 icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 0
- Racconti - Redazione - 01/06/2008 - 16:15


Super SpikeSuper Spike




Ciao raga, sono sempre io che vi parlo, il mitico Spike; questa volta vi racconterò della guerra contro le coccinelle uccidelle, guidate dal loro dal boss Crepacoccio .
Un giorno Aracnofobus, il mio maggiordomo, stava scendendo in cantina a prendere ciò che rimaneva dei funghi di fine stagione, quando sentì un rumore che ricordava tanto quello di un brusio di uno sciame d’api che ti ronza attorno.
Si affacciò alla finestra e vide una miriade di coccinelle!!!. Senza esitare corse a dare l’allarme:” Allarme, allarme, una moltitudine di coccinelle si sta avvicinando sempre più velocemente alla casa!!!”
Mio fratello stava dormendo beatamente quando Aracnofobus diede l’allarme. Si affacciò subito alla finestra ed esclamo': “ Non ci posso credere.. la banda delle Coccinelle uccidelle, non mi dà tregua…”
Detto ciò aprì il cassetto ed estrasse una pistola calibro 9 e la nascose tra le ali…
Scese le scale seguito da me, da Jack, da Stristras e da Aracnofobus, che si nascondeva dietro Jack.
James prese la parola :” Cosa vuoi da noi Crepacoccio"? Lui rispose prontamente:
” Vi voglio fare un’offerta che non potrete rifiutare!”
E Jack:” Parla!!”.
Crepacoccio disse: “Voglio la vostra casa-albero altrimenti scateno il putiferio e sarete tutti in pericolo di morte!!”.
James in un battibaleno prese la pistola e la puntò contro il boss.
Subito la mia adorata morosa, Stristras, con un colpo di karatè gli sfilò di mano l'arma e gli disse con voce chiara :” Quando sarà il momento lo farai, ma non qui e soprattutto non ora!”.
Crepacoccio rispose :” Ascoltala…” e continuò, “ Domani a mezzogiorno ci incontriamo alla pista di skateboard e venite armati…!”
Così dicendo aprì le ali e volò via con la sua banda.
Tutti si radunarono in discoteca e James prese la parola: “Quella banda mi ha perseguitato per cinque lunghi anni..” Io lo interruppi :” Ci hanno perseguitato !” e James: “Certo! Dici Bene, e in questi cinque anni ci hanno massacrato, stuzzicato e imbrogliato! Domani avremo l’opportunità di ricambiare il favore con tutti i mezzi possibili ed immaginabili che esistono sulla terra!”.
Lo interruppe Stistras :” E con quali mezzi ?”
James si voltò per tirare una corda e scoprì, dietro ad una tenda, un armamentario completo “anti-coccinelle” dalla “A” di Armatura, alla “Z” di Zigulì.
James parlò :” Preparatevi psicologicamente per domani; sarà dura!”. Così dicendo prese l’ascensore e ritornò in camera sua.
La mattina del grande giorno eravamo tutti pronti per la battaglia; ci vestimmo in perfetta armonia per il momento.
Stristras,con un cappello con veletta tipo militare come la cintura, si pitturò, come tutti del resto, le guance di verde e nero e prese un bazuca da tenere sulla coda.
Jack utilizzò la sua vecchia divisa dei marines.
Aracnofobus si mise una bandana, James un mantello militare ed io indossai una divisa dell'esercito!
Erano le 11,30; ognuno si posizionò nella propria postazione pronto ad attaccare il nemico.
La Banda delle Coccinelle-uccidelle si era premunita di mitra e pistole.
Si udì un gran rumore giungere da lontano di cingoli di carrarmati ed aerei… Erano i nostri!!!
Sfilavam o uno dietro all’altro; a capo della fila c’ero io che sfrecciavo nel cielo con un aereo-caccia, seguito dal carrarmato guidato da Jack. Di seguito una enorme Jeep guidata da James e per ultima Stristras su una moto.
Crepacoccio esclamò :” Dov’è quel ragno?”
“Eccomi!” rispose Aracnofobus, “Diamo inizio alla battaglia!” e così dicendo si affacciò dal finestrino dell’aereo e si buttò con un paracadute stringendo nelle zampe otto mitra, cominciò a sparare all’impazzata, seguito dagli altri.
La guerra era iniziata e con azioni brillanti terminò dopo sei ore a favore nostro!
Le coccinelle incassarono una umiliante sconfitta e se la diedero ad ali levate...
Per un po' di tempo non avrebbero più minacciato nessuno!
Una volta arrivati nella casa-albero, noi facemmo una mega festa in discoteca e tutti contenti ci premiammo con coppe e medaglie, con grande gioia di Jack, che vedeva arricchirsi la sua collezione!



Mattia Ordiano
Classe Prima












  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare






Devi essere loggato per inserire commenti su questo sito - Per favore loggati se sei registrato, oppure premi qui per registrarti



Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia