On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

La tragedia di Rivoli - Perchè morire a scuola a soli 17 anni  

  Stampa veloce LAN_NEWS_24 icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 1
- L'opinione - Redazione - 27/11/2008 - 18:35


La classe dove è crollato il tetto. Qui è morto il diciassettenne Vito ScafidiIl recente episodio avvenuto in una scuola a Rivoli (TO) in cui un giovane ragazzo ha perso la vita a causa di un fatale incidente ci ha commosso enormemente e ci ha indotto a riflettere su quanto è accaduto.
Vito Scafidi è morto schiacciato dal peso dei detriti che sono caduti dal soffitto della propria aula; un compagno di classe è risultato molto grave ed è stato già sottoposto a due interventi chirurgici e rischia di rimanere paralizzato; altri studenti sono rimasti feriti e alcuni di essi sono ancora in ospedale.
Noi ci mettiamo nei panni dei genitori e degli amici di Vito...

Perchè morire a scuola a soli 17 anni !?
La scuola dovrebbe essere, dopo la propria abitazione, il luogo più sicuro dove noi trascorriamo la maggior parte del nostro tempo.
Per questo pensiamo che le scuole dovrebbero essere rese sempre più sicure.
La nostra, ad esempio, pur essendo stata di recente sottoposta ad alcuni adeguamenti negli impianti proprio per garantirne la sicurezza, tuttavia presenta ancora delle situazioni che, se trascurate, potrebbero rivelarsi pericolose.
In alcuni ambienti ad esempio, tra cui la classe 2B, i bagni e addirittura l'Aula informatica, ci sono delle infiltrazioni nei soffitti e quando piove, spesso l'acqua scende fino ad arrivare ai banchi.
Pensiamo sia giusto che questa situazione vada affrontata e "riparata" prima che degeneri.

Desideriamo a nome di tutti i nostri compagni esprimere la nostra solidarietà alla famiglia di Vito che, a causa di una triste e inspiegabile fatalità, è stata colpita una perdita così profonda e incolmabile.


Gaia, Lucrezia, Erika - Classe prima








  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare





Commenti

Non si può morire così...

Inviato il: 28/11/2008 - 20:57
Ospite

Inanzitutto volevo fare i miei complimenti a Gaia, Lucrezia ed Erika per l'ottimo articolo. Perchè si deve morire nel posto in cui si passa metà della giornata??? Come si fa a rassegnarsi alla morte di un figlio??? Perchè il Governo non fa niente per rassicurare ai genitori e soprattutto a noi studenti una scuola SICURA??? Ma è proprio vero che ci deve sempre essere una persona morta per far muovere i primi passi??? Spero che sia solo una mia idea... Vito sarai SEMPRE l'angelo di noi studenti... Non doveva finire così...:((



Devi essere loggato per inserire commenti su questo sito - Per favore loggati se sei registrato, oppure premi qui per registrarti



Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia