On line da settembre 2003 - Utenti Totali: 1959
REGISTRATI  -  LOGIN

Kimberly Clark: il polo europeo dei fazzoletti. I ragazzi di prima visitano lo stabilimento.  

I ragazzi di prima visitano lo stabilimento.
  Stampa veloce LAN_NEWS_24 icona rss    Ascolta questo articolo

Commenti: 0
- Gite scolastiche - Redazione - 18/12/2007 - 15:29


Stabilimento  Kimberly ClarkLo stabilimento Kimberly-Clark ha sede in Romagnano Sesia. Il polo è nato negli anni ’70 dalla fusione della preesistente piccola società italiana con un gruppo americano.
Il nome Kimberly si deve alla fondatrice americana.
Questa multinazionale è in grado di produrre ed esportare fazzoletti, carta igienica e asciugatutto nell’intera Europa e in molte parti del mondo.
La nostra visita allo stabilimento si è rivelata quanto mai interessante poiché abbiamo avuto la possibilità di conoscere da vicino l’ambiente lavorativo e seguire l’intero ciclo di produzione: dalla cellulosa alla confezione finita.
All’interno dello stabilimento si trovano due macchine innovative gigantesche ,dette “macchine continue” per via della loro particolarità di non fermarsi mai. Una assembla la carta igienica e l’altra i fazzoletti e i tovaglioli.
Il foglio di carta ha origine dalla cellulosa maciullata, che, mescolata con particolari sostanze, viene poi passata nella macchina continua. Tale macchinario riunisce in sè tante fasi di lavoro : provvede all’ asciugatura del foglio, cioè a toglierne l’acqua in esubero, e alla fusione di più veli in un rotolone di spropositate dimensioni..
Dal rotolone, in un altro reparto, si passa ai rotoli di carta imballati in confezioni da quattro o sei, e il prodotto finito viene trasportato su rotaie meccaniche nel magazzino, dove viene stoccato in attesa del trasporto.
Nello stabilimento si dà molta importanza alla sicurezza, e noi stessi siamo stati guidati in quegli enormi spazi della ditta in un percorso contrassegnato da linee gialle da non oltrpassarsi…
Un aspetto che ci ha impressionato è che in questi spazi immensi vi lavorano poche persone: la macchina continua, per fare un esempio, è seguita da 5 addetti.
Al reparto dell’ imballaggio vi lavorano soltanto 25 addetti.
A chiusura del percorso ognuno di noi ha ricevuto un sacchetto dono contenente i prodotti dell’azienda.
Chissà come saranno CONTENTE LE nostre MAMME!!

Elsa Zerlia








carta   cartiera   stabilimento   


 8.0 - 1 voto  Vota l'Articolo:  Fai Login per votare






Devi essere loggato per inserire commenti su questo sito - Per favore loggati se sei registrato, oppure premi qui per registrarti



Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia